“Un vino moderno ha radici antiche.
La tradizione per noi non è mai sterile nostalgia del passato, ma base per nuovi traguardi da raggiungere con competenza ed innovazione”.

Massimo Vidoni, enologo

Fossa Mala Brut

La bollicina Fossa Mala, un traguardo di eleganza e prestigio che premia il nostro progetto in questa terra unica.
Fresco con sentori floreali, perlage fine e mediamente persistente, Fossa Mala Brut è il nobile frutto del nostro lavoro.

Fossa Mala Brut

Vino bianco spumante

I due vitigni, Chardonnay e Pinot Nero, vengono raccolti rispettivamente la terza e la quarta settimana di Agosto e subiscono un’attenta e scrupolosa vinificazione separata.
Il solo mosto fiore ottenuto viene pulito tramite decantazione statica ed inviato a fermentare previa aggiunta di lieviti selezionati in serbatoio d’acciaio inox a temperatura di 17 °C. Ai 2/3 della fermentazione solo il 20% dello Chardonnay viene messo in tonneaux di rovere francese di terzo passaggio e completa qui la fermentazione.
I vini ottenuti rimangono sui propri lieviti fino a Gennaio e solo a questo punto avviene l’assemblaggio. Si opera una debole chiarifica e successiva pulizia al fine di poter ottenere una base ottimale per le presa di spuma. La rifermentazione viene innescata in autoclave da 60 hl i primi di Marzo e in circa quattro settimane si conclude per poi far rimanere il vino sui lieviti per ulteriori cinque mesi. A settembre l’imbottigliamento con successivo affinamento in vetro per due mesi. Colore giallo tenue con riflessi verdi.
Il perlage è fine e mediamente persistente. Al naso si presenta fresco con sentori floreali e di crosta di pane. Al gusto denota una buona struttura e morbidezza controbilanciata da una bella acidità.

Temperatura ideale di servizio 8-10 °C in ampi bicchieri.
Ideale come aperitivo, si abbina al pesce, ai molluschi e ai crostacei in genere.